A Peschici un Memorial per Romano Conversano


Memorial per Romano Conversano a Peschici

CONVERSANdO CON ROMANO…

OLTRE LA  PITTURA

Il 24 settembre 2011, alle ore 18, presso l’Hotel D’Amato di Peschici (Fg), si è tenuto  un Memorial in onore di Romano Conversano, un grande artista “innamorato” di Peschici e del Gargano, scomparso il 22 luglio 2010 a Milano.

“CONVERSANdO CON ROMANO … OLTRE LA PITTURA” il stato il leit motiv della serata, coniato da uno scrittore di origini garganiche, Costantino Piemontese, membro dell’Associazione Ideale “Osservatorio Torre di Belloluogo” di Lecce, che ha spiegato così le ragioni e la genesi creativa del titolo da lui proposto e scelto dal Comitato promotore dell’evento: «Devo semplicemente dire che mi è dapprima bastato coniugare al gerundio il verbo “conversare”, ottenendo cioè CONVERSANDO, contenente già tutte le lettere del cognome dell’Artista, e poi sostituire la D con la d in carattere minuscolo che, però, è simmetricamente proprio la P rovesciata di Peschici. Sicché, ecco ottenuto l’incipit: CONVERSANdO. E, siccome il conversare è espressione di condivisione, di convivialità e di confronto, parole contenenti tutte la comune radice “con”, allora ho aggiunto al complemento di compagnia il nome di battesimo dell’Artista, perché mi sembrava bello che l’intera collettività peschiciana rievocasse quest’Uomo nella sua interezza di persona straordinaria Spero che sia buona cosa indicare ai giovani d’oggi la bellezza e l’urgenza di non dimenticare quanto fatto dal singolo, perché – solo unendo gli sforzi di ciascuno – tutti potremo ritrovare la strada per risanare il mondo. In tal semplice modo, penso d’essere riuscito a significare con molta immediatezza, anche visiva, il forte legame dell’indimenticabile Maestro Conversano con Peschici e, allo stesso tempo, comunicare subito l’intento del Memorial, che è quello di conservare la memoria di un Uomo, di un Artista, della sua Opera, e della Comunità in cui Egli è vissuto, che lo ha accolto e che gli rende omaggio. Sono orgoglioso e felice che la mia semplice idea sia divenuta il titolo definitivo, unito a quella sospensione “…OLTRE LA PITTURA” – che è invece frutto della creatività di una ragazza di Peschici, Maria Luisa Ercolino, – e che sta sicuramente a simboleggiare la necessità di impegnarsi affinché l’Arte possa elevare e rendere migliore la vita della Peschici odierna.”

L’evento, organizzato dal Centro Studi “Martella” e dal Gruppo Facebook “Un murales per Peschici”, con il patrocinio del Comune di Peschici e la sponsorizzazione dell’Hotel D’Amato (che ha offerto, oltre alla location, un aperitivo a tutti i partecipanti), è stato allietato dalle musiche di Allevi, eseguite al pianoforte dagli allievi dell’Associazione musicale “Arcobaleno”: Domiziana Mongelluzzi e Antonio de Nittis (che ha eseguito anche un suo pezzo intitolato: “Diamante”). E’ seguito il reading di liriche dedicate a Conversano da Barbara de Miro d’Ajeta e interpretate da Camilla Tavaglione, con accompagnamento di Rocco Tavaglione alla chitarra.

Il poeta Enzo Campobasso ha declamato due tanka in omaggio di Peschici e di Romano.

Sono intervenuti Domenico Vecera (sindaco di Peschici), Vincenzo De Nittis (assessore al Turismo del Comune di Peschici), Tea Lamargese (art director e vicepresidente Peschici Eventi), Day Trinh Dinh (pittore), chi scrive (nella sua veste di presidente Centro Studi “Giuseppe Martella”), Barbara de Miro d’Ajeta (Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”) e Piero Giannini (scrittore). Ospite speciale Margherita Conversano, figlia adottiva dell’artista.

La serata è stata moderata  da Piero Paciello (direttore dell’Attacco),  che ha posto ai presenti il quesito sul perché a Peschici e sul Gargano, pur in presenza di innegabili fermenti derivanti dalla sua importante storia artistica-culturale-imprenditoriale (non bisogna inventarsi nulla!), si registri una sostanziale assenza di Eventi, anche durante l’estate. Mancanza di fondi? La mancanza di fondi istituzionali locali è senza dubbio realtà oggettiva, che bisogna superare affidandosi a risorse regionali, come quelle ottenute dal Consorzio che organizza i 5 festival “5FSS – FIVE FESTIVAL SUD SYSTEM”, finanziati con ampie risorse dalla Regione Puglia, particolarmente attenta agli eventi di qualità. Si potrebbe anche ricorrere a fondi privati, chiedendo sponsorizzazioni agli  imprenditori turistici locali. Cosa che – risponde De Nittis – è stata molto difficile da ottenere in questi anni di crisi, e di ricostruzione dopo l’incendio del 24 luglio 2007 (che ha visto gli operatori indebitarsi per mettere a nuovo le strutture danneggiate).

Ritornando al Memorial,  è stato proiettato un video con le immagini di dipinti, disegni e “scatti” d’epoca realizzati da Conversano negli anni sessanta a Peschici, oltre alle foto del murale del ‘93, restaurato da Day Trinh Dinh, Mihal Xhavo e Silvestro Regina (di cui abbiamo ampiamente parlato su questo giornale), e del fumetto realizzato da Regina sul Belvedere del Recinto baronale. In sala, un trittico di Tea Lamargese e  Day Trinh Dinh. Tutte queste produzioni artistiche sono state realizzate in omaggio all’artista istriano.

L’amministrazione comunale ha donato una targa alla figlia adottiva del pittore, con la seguente dedica: “A Margherita, un ringraziamento per la sua presenza, in questo giorno speciale in cui la nostra Comunità ricorda con affetto Romano Conversano, un grande artista”.

Ma chi è Conversano? E perché Peschici ha inteso commemorarlo nel primo anniversario della sua morte?  Lo ricordiamo ai nostri lettori che non l’hanno conosciuto.

L’artista nacque il 30 settembre 1920 a Rovigno d’Istria da padre pugliese e madre istriana, figlia del pittore Giuseppe Bino. Compiuti gli studi all’Accademia di Belle Arti a Venezia, insegnò per alcuni anni a Pola. Durante la guerra, si impegnò nella Resistenza, ed organizzò a Belluno un cenacolo di giovani artisti fra i quali Tancredi e Romano Parmeggiani. Si legò d’amicizia con Emilio Vedova e Rodolfo Sonego. Dal 1946 al ’54 visse a Rovereto, animando l’ambiente artistico e culturale della vivace città trentina. Dopo numerosi viaggi di studio in Francia, Spagna e Fiandre, che rappresentano nella sua pittura altrettanti “periodi”, si stabilì nel 1954 definitivamente a Milano, dove partecipò da protagonista alle maggiori manifestazioni artistiche. Il suo luminoso studio in via Rossini divenne il ritrovo di tanti intellettuali italiani, tra cui Eugenio Montale, il cui profilo l’artista schizzò in una delle sue inconfondibili grafiche.

Nel 1957 Conversano restaurò un piccolo castello a picco sul mare a Peschici, nel Gargano, dove si ritirò a contatto con una natura solare e primitiva: fu il periodo dedicato alla “Puglia antica” contrapposto a quello delle “Donne d’oggi” del Nord con i loro problemi esistenziali. Nel 1974 gli venne conferito l’Ambrogino d’oro dal Comune di Milano. Nel 1980 fu nominato membro dell’Accademia degli Agiati di Rovereto. Peschici gli conferì, nel 2002, la cittadinanza onoraria. Romano Conversano ci ha lasciato il 22 luglio 2010. E’ sepolto a Rovereto. Chi l’ha conosciuto ha un bellissimo ricordo della sua grande umanità, oltre che del suo genio artistico.

E’ quello che è emerso nel corso del Memorial a lui dedicato.

“L’Attacco” di oggi pubblica la relazione dello scrittore Piero Giannini,  e la testimonianza sulla “prima venuta” a Peschici, nel 1957, raccolta  da chi scrive nel 2002 dalla viva voce di Romano Conversano, nella serata del conferimento della cittadinanza onoraria da parte del Consiglio Comunale di Peschici.

 

Teresa Maria Rauzino

ROMANO CONVERSANO RACCONTÒ COSÌ LA SUA SCOPERTA DI PESCHICI NEL LONTANO 1957…

“Sono un pittore di origini pugliesi, papà mio era di una bella cittadina ricca, pulita e anche benestante che si chiama Conversano. Anch’io, nel mio piccolo, ho avuto un “periodo spagnolo” come i grandi pittori, in un paese incantato che si chiama  Gaudix, in Sierra Nevada. Aveva delle case a cupola tagliate nel tufo, con dei comignoli altissimi. La gente sapiente di questo paese aveva conservato i comignoli, come a Tartu in Russia (Estonia), sembravano paracarri fantomatici.

Alcuni anni, dopo, ormai vivevo a Milano, in un angolo tra Brera e la Scala, mi fermo al banchetto di un venditore di libri usati e, per caso (la cercavo da tempo), trovo una di quelle bellissime pubblicazioni dell’Ente Turismo (Touring Club Italiano 1937). La  compro per pochi soldi, vado a casa, mi metto in ginocchio, apro a caso, si aprono le due facciate, in calce all’unica pagina doppia del grosso volume che occupa la base, c’è Peschici. Sono rimasto incantato… mi sono sentito veramente chiamato. Quando abbiamo potuto, mia moglie insegnava economia domestica, avevamo un’adolescente a casa, Margherita (che è sempre nel mio cuore, anche allora pallida, elegante), siamo venuti. Con un piroscafo, da Manfredonia fino a Peschici. Una donnetta allegra, simpatica, con un occhio un po’ indipendente, ci domanda: “Dove andate con questo bagaglio?”. “Andiamo a Peschici!”. Stavamo arrivando sotto al gettatoio… “No, no qua, no, no! Andate a Rodi o a Tremiti!”. Le  ho    detto: “Peschici!”. Era agosto, sarà stata l’una e mezza di pomeriggio, il piroscafo si fermò.

Trasbordammo su una barca. Sul molo arriva un ragazzotto con le gambe storte, di poche parole. Senza tanti preamboli si accolla i bagagli, impietosito e forse esperto dice: “Facite subte!”. Ci fa incamminare in mezzo … a non vi dico quante deiezioni umane, tra i fichidindia…

Arriviamo  su stravolti, ci porta a casa… lui chiama i finanzieri, il portone non si apriva, era sbarrato, murato. Con delle martellate cominciano a schiodare queste due travi. Vediamo spiripinguli, vuschere  sgardavizze, tutti  impazziti che corrono di qua e di là.

Finalmente aprono il portone. Appena entriamo… I signori, quelli che hanno inventato la sindrome di Sthendal, avevano visto giusto… Quando l’anima non regge la bellezza, c’è una specie di mancamento… io mi sono innamorato del Castello a picco sul mare e della sua splendida   visuale…

Dissi a Margheritina e a mia moglie: “Me lo prenderei, ma sono solo un pittore…”.

Il giorno dopo arriva un signore in tenuta, con il berretto d’ordinanza, una bella parrucca nera. Disse: “ La signora Della Bella e don Nicola Damiani  la invitano con la famiglia a cenare da loro, a Capotondo”. Il nome Della Bella mi fece tornare alla mente reminiscenze dantesche…

Viene l’autista, andiamo a Capotondo, una casa gentilizia… c’è una vasca di marmo levigata, il principe Umberto II di Savoia era stato ospite loro. In un giardino pieno di fiori, sontuoso,  c’era una signora incintissima, biondo ramata, con delle belle braccia color miele, bellissima donna, mi dà una mano affusolata, mi dice: “Senta, ieri, quando il maresciallo dei carabinieri mi è venuto a parlare di voi, io avevo in grembo, oltre al mio bambino, una rivista, “Epoca”, che parlava di lei, con i quadri a colori e di tutta la sua vita. Il castello lo deve prendere lei… “.

E’ seguita una di quelle cene per cui io dico sempre: “Viva l’Italia”, una cena che non finiva mai, mezzanotte, l’una. “Del castello non si parla”, dico… “Ma no, mi dice, il castello deve essere suo. Abbracci, commozione, orgoglio. Mia moglie è coraggiosa a dire sì…

Il mio grandissimo amico Ottavio Rauzino, di poche parole, ma di molti fatti, 10 anni ha lavorato con me … Adesso i signori Afferrante mi hanno afferrato, come hanno afferrato le loro belle signore, la vita e il Castello…  e  mi invitano a queste piccola apoteosi. Perché, povero me, dico, perché? Forse perché ho tempestato il mondo di Peschici: Peschici la mattina, Peschici la sera, venite a Peschici! In Inghilterra, in America, a Parigi, Ginevra. Peschici! Peschici non esisteva. Peschici pensate che è un nome sdrucciolo. Peschici, come loro dicono: “Iavzte! (Alzati!)…”.

(testimonianza raccolta da Teresa Maria Rauzino dalla viva voce di Conversano, durante la cerimonia  per il conferimento della cittadinanza onoraria di Peschici, nell’estate 2002)

(servizio pubblicato su L’ATTACCO 27 settembre 2011)

FOTO ROMANO CONVERSANO 

FOTO MEMORIAL 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...