VINCENZO RONCONE, PELLEGRINO A SANTIAGO DE COMPOSTELA, CON KALENA NEL CUORE

  VINCENZO RONCONE, PELLEGRINO A SANTIAGO DE COMPOSTELA, CON KALENA NEL CUORE

Mi chiamo Vincenzo figlio di Roncone Luigi e Vecera Lucrezia,e una sorella di nome Lina abitante a Montreal. Sono emigrato nel 1966 in Germania per due anni. Dopo sono venuto a Torino per una visita e ci sono rimasto. Erano gli anni del boom economico, il lavoro non mancava, mentre oggi …

Vi vorrei parlare di un sogno. La prima volta che sentii parlare di Santiago de Compostella fu nel lontano 1985, da un collega di lavoro. Lui e la moglie c’erano stati per due anni di seguito. Ma la terza volta nel 1973 con un collega di lavoro partono in treno da Torino per Parigi da dove iniziano il “camino” (cammino), detto “camino Francese”, passando per Bourdeaux, Roncisvalle, Pamplona, Burgos, Leon, Ponferrada, Portomarin, e alla fine Santiago. E non contenti andarono fino a Finisterre. Mancarono di casa 112 giorni, non li licenziarono dal lavoro perché avevano motivato la loro assenza “per motivi religiosi”. Cosa spinse questi lavoratori e stimati padri di famiglia a quel lungo “camino”? La profonda fede, come era accaduto per i pellegrini che per secoli percorrevano quella strada per andare a pregare nella chiesa di Santiago sulla tomba di San Giacomo. Era uno dei dodici discepoli di Gesù che evangelizzò la Spagna ma, tornato in Palestina, Erode lo fece decapitare.I suoi seguaci lo riportarono in Galizia e lo sotterrarono. Oggi come ieri milioni di pellegrini ogni anno vanno a Santiago per pregare sulla sua tomba. Nel 1989, per l’incontro mondiale della gioventù con Papa Giovanni  Paolo II, oltre mezzo milione di giovani convennero a Santiago. E da allora i pellegrini a piedi sono aumentati sempre di più. Il 23 ottobre del 1987 il Consiglio d’Europa ha dichiarato il percorso che porta a Santiago un “itinerario culturale europeo”. E nel 1993 l’Unesco lo ha dichiarato “patrimonio dell’umanità”.

Quando chiesi perchè lo avessero fatto mi dissero: se lo percorrerai anche tu capirai il perché. Passati alcuni anni, sentivo dentro di me il richiamo del “camino” ma non potevo andare: non potevo perdere troppi giorni di lavoro. Ho sempre rimandato, ma da quando sono andato in pensione non posso più rimandare. Da alcuni anni mi preparo per affrontare il “camino”. Un mese fa volevo fare l’ultimo test per vedere se ero in grado di affrontare il lungo percorso. Partii da Ivrea con il mio amico Giovanni che veniva da Aosta per arrivare a Roma percorrendo la via Francigena. Ma il tempo non è stato clemente, mai vista tanta acqua: su otto giorni di percorso, sei sono stati di pioggia. Abbiamo attraversato le risaie da Santià a Pavia con il Ticino che allagava grossi tratti di territorio. Siamo stati costretti a guadare scalzi alcuni tratti allagati. E il 7 di maggio il mio ultimo giorno di “camino”, arrivato all’abazia di Chiaravalle, il mio ginocchio si è gonfiato e non riuscivo a camminare. Per arrivare a Fidenza ho sofferto parecchio, ma Giovanni mi aiutò e, appoggiato a lui, sono arrivato faticosamente all’ostello. Ilgiorno dopo sono ritornato a casa. Ho trovato per fortuna il prof. Leoni, specialista in medicina dello sport e articolazioni : in un mese mi ha rimesso il ginocchio a posto. E il 5 di giugno in aereo partirò da Malpensa per Bordeaux e in treno raggiungerò S.J.D.P. dove il giorno 6 di giugno inizierò il mio “camino per Santiago” sulla via che milioni di pellegrini hanno percorso prima di me nei secoli passati.

Con la collaborazione di Teresa Maria Rauzino vorrei regalare al mio paese, Peschici, il resoconto della mia giornata di “camino” con alcune foto di chiese, monasteri e paesaggi che incontrerò lungo il percorso affinché venga pubblicato su un vostro giornale locale. Spero di fare cosa gradita.

Il mio sogno  è di dedicare il mio “camino” verso Santiago di Compostela all’abbazia di Kàlena, affinchè si realizzi anche da noi un percorso che porti a Peschici i pellegrini di tutto il mondo!

Un saluto a voi tutti.

Vincenzo R.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...