Vico del Gargano. In vendita la casa di Michelangelo Manicone (articolo di Michele Angelicchio)

Michelangelo Maniconefisica daunica Manicone

Appare un cartello “ VENDESI “, uno dei centinaia che invadono le vie di Vico del Gargano, ma questa volta non si tratta del solito cubo anonimo che ha sfigurato il volto vero del paese di San Valentino. Questa volta, in via Casale, al numero civico 83/85, si vende la casa dove nacque il grande fraticello Michelangelo Manicone. Chi è costui, si domandano i giovani del paese.
Risponde lui stesso con l’anima che gli ha concesso il Teatro K, nella memorabile piece presentata nel 2006, tratta dalla semisconosciuta, seconda opera, La Fisica Daunica:” Sono nato a Vico del Gargano il 4 marzo del 1745, terzo figlio di Vincenzo e di Giovannella Raganella. Sono stato battezzato il 5 marzo dall’arciprete Filippo Macis. Ho avuto il maestro di grammatica, don Pietro Finis. Sono entrato nel convento dei francescani di Manfredonia il 19 luglio del 1760, ho vestito l’abito nel convento di Santa Maria a Stignano con il nome di fra Michelangelo.”
Ma è Grazia Francescato che lo presenta in tutta la sua grandezza di studioso e scienziato attuale, anzi attualissimo, nella prefazione al libro dell’agronomo Nello Biscotti “ Padre Michelangelo Manicone – Un dimenticato naturalista del Settecento -” Claudio Grenzi Editore. Così esordisce la Francescato:” Può cambiare il clima l’uomo? L’uomo può dunque tanto? Egli non solamente può, l’ha già fatto. Potrebbe sembrare una dichiarazione resa alla stampa o alla TV da qualche prestigioso scienziato dell’IPCC (International Panel on Climate Change, l’organismo di controllo che indaga sul cambiamento climatico) o dagli esperti del Wordlwatch Institute, l’istituto statunitense di ricerca che ogni anno sforna un documentatissimo rapporto sullo stato del pianeta. E invece no: a sollevare quest’ interrogativo così “moderno” e così pregnante per i destini dell’umanità alle soglie del Terzo Millennnio è un oscuro fraticello, Michelangelo Manicone, vissuto due secoli fa nel Gargano.”
Rivoluzionario, oltre ogni dogmatismo, la sua capacità illuministica gli costò l’inimicizia di chi diffidava e demonizzava la scienza. Non sopportava i rituali di corte e le giaculatorie; è celebre una sua frase scritta nei confronti di Alfonso De’ Liguori:” Le prediche di Alfonso De’ Liguori sono buone per le madonne.” Nel 1806 esce, Con licenza de’ Superiori, la sua opera monumentale “ La FISICA APPULA “ del P.F. Michelangelo Manicone – Lettore Giubilato in Sagra Teologia, ed Esprovinciale Francescano degli Osservanti. Napoli, presso Domenico San Giacomo.
Scrive Nello Biscotti nel suo prezioso “istant book”:” Nativo di Vico del Gargano, il Manicone dedicò tutta la sua vita a studiare la “fisica”della sua Daunia, cimentandosi con la pedologia, climatologia, con la Fisica Appula: una ricca ed analitica raccolta di notizie, di sperimentazioni che riguardano la Mineralogia, la Botanica, la Zoologia, l’Agricoltura, l’Igiene, la Pesca. E per l’agricoltura anticipava di quasi mezzo secolo tutti i progressi in fatto di meteorologia applicata alla pratica agricola.”
Il fraticello Michelangelo descrive minuziosamente il territorio del suo paese nativo:” Vico è circondato da amene collinette dalle quali si scende sino al mare…le valli disseminate di una molteplice varietà d’alberi fruttiferi e soprattutto di noci e castagne, forman la ricchezza degli abitanti. Le pianure e le colline sono coperte di ulivi, di agrumi, di viti…in primavera vi esiste una balsamica atmosfera ed un’aria ossigenata dalla fragranza dei pini e di altri alberi.”
Chissà se in questi giorni risuonano nelle orecchie degli amministratori i precisi ed attualissimi richiami di Manicone:”
Il nostro fraticello si scaglia contro uno dei peggiori atti compiuti dall’uomo, il taglio indiscriminato e selvaggio dei boschi garganici. Scrive che il disboscamento del promontorio iniziò con il taglio “barbaro” dei pini nel territorio “Difesa” nel 1764. La causa di questo disboscamento fu la volontà di destinare i suoli a coltura, anche quelli non adatti a questo scopo e più utili al pascolo. Un intero libro è dedicato al Mefitismo (insalubrità dell’aria) e alle cause che lo generano. Egli sostiene che l’inquinamento può avere cause naturali o accidentali (provocate dall’uomo), può essere anche indigeno (proprio della zona) o esotico (derivante da altre zone). Secondo il Manicone le principali cause accidentali del mefitismo sono le condizioni igieniche precarie delle strade e delle abitazioni: più attualità di questo. Il 31 dicembre del 1995, sulla facciata della casa, fu posta una targa dove si legge:
In questa casa nacque il 4 marzo 1745 Padre Michelangelo Manicone autore de La Fisica Appula e membro della Società per lo Sviluppo delle Scienze in Napoli. Anticipatore di molti saperi nel campo dell’agricoltura e della Fisica. Un dimenticato naturalista del 1700 tra i precursori a livello europeo delle scienze. CHECCHIA RISPOLI 1914. Nel 250° anno dalla nascita. Amministrazione Comunale-Gruppo Archeologico Garganico “Silvio Ferri”.
Dopo l’oscurantismo che ha coperto e taciuto la vita e l’opera di Michelangelo Manicone, abbiamo il dovere di salvaguardare la più importante testimonianza di questo nostro vichese.
Michele Angelicchio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...