AMARCORD: Quando ad emigrare eravamo noi…

Quando ad emigrare eravamo noi …

URIATINON

Agli italiani smemorati del loro passato di “migranti”, cui erano negati i fondamentali diritti umani, vorrei ricordare la triste storia di quando, all’arrivo ad ellis Island, eravamo tenuti in quarantena e marchiati con il gesso.    

Lacrime ‘mericane
Gli emigrati di tutto il mondo sbarcati nel ‘Paese della Libertà’ schedati e ‘marchiati’ con il gesso

 

    

A fine Ottocento, Edmondo de Amicis viaggiò a bordo della nave Galileo, che trasportava gli emigranti italiani in Uruguay ed in Argentina. Nel suo reportage Dall’Oceano scrisse: «C’erano molti Valsussini, Friulani, agricoltori della bassa Lombardia, contadini d’Alba e d’Alessandria che andavano all’Argentina non per altro che per la mietitura, ossia per mettere da parte trecento lire in tre mesi e navigando quaranta giorni. Tessitori di Como, famigli d’Intra, segantini del Veronese. Della Liguria il contingente solito dato in massima parte dai circondari di Albenga, Savona e Chiavari…».

 

Questa cronaca sfata un luogo…

View original post 1.247 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...