Facìmice Carnuàle e po ci ni parle (by Angela Campanile)

CARNEVALE 2017

Presentazione di Angela Campanile (Società Storia Patria sez Gargano) della sua piéce “Facìmice Carnuàle e po ci ni parle”, al Convegno del Centro Studi Martella” Carnuàl, Zeza e Quarandanna”, tenutosi nella sala Consiliare del Municipio di Peschici il 23 febbraio 2017, giovedì Grasso.

 

img_9388

Questa breve rappresentazione vuole dimostrare come il Carnevale fosse particolarmente sentito nei ceti poveri poiché era un’occasione per lasciarsi andare e dimenticare  miseria e affanni. Ci si mascherava con tutto ciò che si riusciva a reperire in casa o a farsi prestare da qualche conoscente: un vecchio lenzuolo, una divisa militare, la gonna della mamma e della nonna. A mascherarsi, più che i bambini, erano  gli adulti che poi giravano in gruppo per il paese e si recavano nelle case dove era possibile ballare al suono di una vecchia fisarmonica nei tempi più antichi, o di un grammofono a manovella più di recente.

Il penultimo giovedì, detto magro, era la festa dei poveri e tutti, ma proprio tutti i poveri, anche se a credito, si concedevano finalmente un bel pezzo di carne di maiale al sugo. L’ultimo giovedì, giovedì grasso, era la festa dei ricchi ed in questa occasione erano i benestanti a festeggiare con banchetti e canti.

Ogni quartiere preparava il suo fantoccio di Carnevale, fatto di paglia, carta e abiti i più malandati che ci fossero in circolazione; la mattina di martedì, ultimo giorno di Carnevale, i fantocci con in braccio l’immancabile bottiglione di vino, venivano appesi ai crocevia, sostenuti da robuste corde. A mezzogiorno tutti mangiavano i maccheroni fatti in casa, con il sugo di carne per i più ricchi e  con il sugo di polpette e ventresca per i meno ricchi. Era usanza mischiare agli altri maccheroni, un maccherone più lungo nell’unico piatto in cui tutta la famiglia una volta mangiava e chi, per sorte capitava questo maccherone veniva preso in giro come cannaroute, cioè il mangione della famiglia.

Dopo aver mangiato e bevuto, ci si mascherava e si girava in gruppo per il paese; non mancava chi si improvvisava attore e si esibiva in scenette umoristiche.  Poi si “operava” Carnevale. Nella pancia del fantoccio che veniva “operato” vi si infilava di tutto: scarpe vecchie, cipolle, corde, patate, barattoli ecc. e questo era il Carnevale che si metteva a cavalcioni su di un asino ed in processione era portato per le strade del paese seguito da un finto chirurgo, dalla finta moglie di Carnevale stesso e da tutte le maschere. L’operazione, che consisteva nell’estrarre tutto ciò che v’era in pancia, veniva ripetuta in diverse  strade del paese, accompagnata da  urla, frastuono e risate. All’imbrunire, l’asino con il suo carico e il suo seguito, si dirigeva verso il castello dalla cui rupe il fantoccio veniva gettato  in mare.

Negli anni trenta, oltre all’operazione chirurgica, si improvvisava la “Zeza, Zeza”, una sceneggiata cantata  i  cui personaggi,  sia maschili che femminili, sono stati interpretati per anni sempre dagli stessi attori, e così con la loro scomparsa anche la tradizione è scomparsa con loro.

La festa di Carnevale si concludeva nelle sale da ballo per i più giovani e nelle cantine per gli amanti del vino.

 img_9323

 La piéce di Angela Campanile, dal titolo “Facìmice Carnuàle e po ci ni parle”, è stata interpretata da Raffaella d’Ambrosio, Angela Corleone e Michelina Tavaglione. Regia di Stefano Biscotti, presidente di Ars Nova. Ecco il testo.  

 

Si incontrano per strada per caso Vunginzelle e Luciette

 

L          Cummà Vunginzè, bbiate chi ti vàide! T’ava perse di ssimegghie, addunghe iè auàire che marìtite ti tàine n’ghiòuse!

 

V         Sci cummà Luciè, marìtìme mi tàine attaccate ca zuculelle, accàume nu purcilluzze  pi nan ci nu fa fuì! Ma tu che iè che dèice! Chi ti l’à ditte sta mupeie? Accàume a marìtime nan ci ni stanne, mi tàine accàume a na riggèine!

 

L          E manumale che nan ci ni stanne cchiù accàume a qua nimale di macchie di marìtite, almàine iè perse u stambe! Àvite che riggèine, vu dèice che à fatte a facce da salvariggèine!

 

V         Quande ni tèine di chiàcchire! Dandò vèine chi sta ceste n’gape?

 

L          Songhe iòute o mulèine a macinà cu morse di grane da spiculatòure, u ggiuste mi le stipate apposte pi sti ccassiòune!

 

V         Pi sti ccassiòune? Che tèine da fistià!

 

L          Addunghe iè Carnuale, e fa finì u munne, che no sa pinnende tu, accàume sta ndràite!

 

V         Aggià Carnuale iè!

 

L          Mo ave che iè Carnuale, mo ci sta pòure finenne, no sa che iogge iè u ggiuideie di puurette, ij iogge cucèine carne e maccaròune, cià discerne da tutte l’ate iurne! Du ggiuideie grasse, u ggiuste na mi ni pràime, quille che ciù fistiggiàssine i ricche!

 

V         O vèide quanda priezze ti vàine a te che iè Carnuale!

 

L          Nagnè fatte di priezze, iè che da mmane a mamme u carnuale iè state sembe fistiggiate, ci discirnàive, ci stàive nu morse di lligreie!

 

V         Pòure màmite tinàive a capa fresciche accàume a te!

 

L          Ij na chiamasse capa frèsciche, i uaie i tinèime tutte e agnè che ci ni vanne si fa nu morse di lligreie, ci allundànine nu morse, ma po so sembe i toue!

 

V         Sci che pòure mamme a tinàive fresciche a cape! Tate accàume a iogge vulàive i maccaròune, diciàive che u ggiuideie prèime du ggiuideie grasse iàive a feste di puurette, ijsse iàive puurette e vulàive fa feste. Mi ricorde che mamme, che na tinàive sòlite, pigghiave l’aue di iallèine nostre, mittàive acchiù pane che casce e faciàive i pulipette, po, pi dà a màure o sucarille, mittàive nu morse di vindresciche e cu sòuche tinàive na ddàure che mi iè rumaste ijnde i daie!

 

L          U sinde che màmite na iàive accàume a te, senza ggenie! Tu, no sacce dandò si asciòute. Sàura meie, attìvite nu morse, ij na dèiche che ta mbuà, ma almàine fa i cunde che ci vonne, addunghe i iurnate che ànna iesse tutte di na manàire! Si ci miname n’derre da sòule, accàume cià chinghiòude!

 

V         Cummà Luciè, agnè che no sa che passe ij, a cape na sta pinnende a fa quille che dèice tu. Po vòune cià nasce, ij, manghe da vagniàune mi songhe maie vistòute da mascicarelle. Stèvine tutte sòrime, cunziprìnime e i vucèine di case che ci sfrinàvine a lùtima sittimane di carnuale, ièvine turniturne truanne vistimende pi vestice da mascichire e nan ci pirdèvine manghe na sale da bballe.

 

L          E n’ànna fatte bbàune, che si megghie tu che na tèine nende da ccundà a sta sorte di ijtà! Martideie na me veste da mascichire, picchè nan ti viste pòure tu?

 

V         Accuscì ama fa, a vicchiezze a unnella verde! Addunghe mo ti le ditte che na le fatte maie manghe quanne iàve ggiòvine! Mo vidèime, capace che u lùtime iurne di carnuale  i facce pòure ij dòuie maccaròune!

 

L          Fatte i fatte toue, ciavessa mette a chiaue e n’avessima putè fa manghe a mascicarate!

 

V         A pigghie a pavòure angàure ta pirde a mascicarate!

 

L          Sàura meie, bbàune facisse si finalmende t’arriggilisse pòure tu di cape ijnde a sti iurne. Nouia puurette agnè che facèime feste e fistizzàule accàume i ricche, quiste sonne i feste nostre:  Natale, Pasque Sand’Aleiee a Carnuale! (passa G)

 

G         Paràule sande, cummà Luciè, ij aggià mi le fatte i maccaròune, i facce iogge, che iè u ggiuudeie di puurette e i facce u iurne di carnuale, u martideie, du ggiuudeie grasse na mi ni pràime, quille nagnè càusa nostre.  Venghe da pigghià nu morse di carne e osse di porche, a vogghie ammiscicà chi pulipette, sinnò troppe ci ni vò, agnè che ni sèime vòune e dòuie ijnde a case, acchiù di nu stuzzarelle di carna pidòune nan ci ni pozze mette!

 

L          Fa bbàune, ij pòure accuscì facce, sinnò quande ci ni vonne di sòlite!

 

V         Uvidè che à fatte pòure u maccaràune longhe?

 

G         Cummà Vunginzè, tu dandò ijsce! No sa che quille ci fa martideie che iè propie u iurne di Carnuale!

 

V         Agnè che no, ij mo accuscì mi songhe truate!

 

L          Nan ci fa case, cummà Ggiuannè che queste iè senza ggenie, na fa i fatte che ci fanne, à ditte che auanne i vo fa pòure iesse i maccaròune martideie,(risatina) e ditte fatte i fatte toue, avissa fa chiaue!

 

G         Addauàire cummà Vunginzè che na fa a lligreie di Carnuale!

 

V         Na tenghe ggenie, cummà Ggiuannè!

 

G         U ggenie, si no tèine, ti la fa minì n’grazie di Ddeie, i iurne aggià sonne triste, si i fa divindà angàure acchiù triste, che ciama attaccà na lenze n’fronde e ciama iì a minà a mare!

 

L          A’ fatte bbàune che ci l’à ditte, cummà Ggiuannè . queste na l’à capèite pinnende che a stu munne accàume ta pigghie ta purte! Fa i maccaròune e fa pòure quille longhe! U maccaràune longhe che facce ij u ccappe sembe marìtime, quille ci fa accàume na bbruttabbestie, mofalanne ci sèime accèise,  u bbucchirucce di vèine di cchiù ci l’avemmea bbìvite, na vi dèiche che iè successe!

 

V         U sinde a iesse accàume tringhe, po dèice paràule o marèite quanne ci arritèire mbriache da candèine! Bbiata te che u sippurte, nziamaie mu bbivesse ij nu morse di vèine, iarreie facenne pàuche a ndraulate, a cape aggià m’aggèire!

 

L          Tu mo che ti crèide quande mi ni bbàive! Pare che paidisce megghie chi na stizze di vèine!

 

V         O sinde che ti magne che, nandimàine, ci vò u vèine pi fàrite paidì! Agnè che ti magne i porche sane!

 

L          Iè megghie che nan ti risponne pinnende, vòune chi te ciavessa semba liticà!

 

G         Madonna meie, facìtile finòute! Cummà Luciè, picchè sèite liticate chi marìtite, accunde u fatte!

 

L          Pruffidiave che u maccaràune longhe ci le misse a bbellaposte ijnde u piattelle soue! Ma nagnè auàire pinnende!Na vo iesse ditte che iè magnamagne. Ma auanne le fricà ij, e ministrà tutte ijnde u piatte grosse, magname tutti nzàime e cu pigghia pigghie u cacchie du maccaràune longhe,  nan cià po pigghià chi me che ci le misse apposte!

 

G         E che magnate ijnde i piattelle assimite vouie!

 

V         Quille sonne ggindèile cummà Ggiuannè!

 

L          Nan ci vò né ggindèile e né nende, cu fatte che chi ci ammache di cchiù ci abbenghie, a me mi dà o càure! Ijnde u piattelle ogniadòune tàine a raziàuna soue!

 

G         Ogniadòune fa accàume cràide! Nouie magname tutte ijnde nu piatte, sàule che la lavà tutte qui piattelle, ij manimane mi spicce!

 

V         A cummà Luciettee ci làvine i figghie i piatte, ni tàine na morre di figghie fèmine!

 

L          Cianna mbarà a fa i suurizie!

 

V         Nzomme che marìtite na vo iesse ditte che iè cannaròute!

 

L          Iè tanda cannaròute, ci fricarreie casa vecchie e casa naue, iè talequale a qua bbelle da mamme, nagnè iòute nu pèile n’derre. A sàire, quanne ci finisce u piattelle, che iè pi dàuie vòlite du meie, tu sinde: “nende cchiù ci sta da magnà”! E che cià sta, po dèiche ij!

 

V         O sinde! E che tàine u sbulmine marìtite!

 

L          Quille fateie, u cristiane e a sàire i tàine fame!

 

V         Sàule ijsse fateie, marisse!

 

G         Cummà Luciè, ti ricurde quanne iemme ggiùvine nouie quanda bballe ci facemme di carnuale? Nan ci rumanemme manghe na sale da bballe!

 

L          Càume na mi ricorde! Stàive Nuculette  avvucèine a nouie che, quanne iàive carnuale, mittàive bballe tutte i dumeniche!

 

G         Mi ricorde, ij no sacce accàume nan ci scunfidave a svacandì a case ogne vòlite che mittàive bballe!

 

V         Vu dèice accàume nan ci scunfìdine! Sta cainàtime che quelle iè l’arte che fa, schimbaune e chimbàune case pi mette bballe!

 

L          Fanne bbàune, quille sonne i cunde che vòune ci ricorde, sinnò che avèssime accundà! Ij mi ricorde che iàive propie di carnuale quanne me fatte u prèime bballe chi marìtime, tanne iemme zèite, stàive tate che nan ci luave manghe nu minòute l’occhie da ngolle!

 

G         Che pigghiave pavòure che t’asciuppave nu stozze zìtite!

 

L          Tate iàive ggilòuse straurdinarie, pinze che m’à fatte fa a foue da ijnde a case, na mi faciàive manghe fa na parlate aggarbate cu zèite!

 

G         A vidè tate meie che iàive!

 

L          Cummà Ggiuannè, che ti truasse qualiche giacca vecchie! Martideie ama fa u carnuale, ij mo tutte e truate: cavizàune, scarpòune, cappelle, na camèisce tutte arripizzate, mi manghe sàule na ggiacche!

 

G         A tenghe vòune, ma ci l’ama mette a carnuale che facèime o capistrate nostre. Na cià putèive luà a giacche a carnuale di mofalanne prèime di minarle a mare, ij accuscì e fatte!

 

L          Nan ce pinzate, auanne nan ci facèime fricà!

 

G         Però u carnuale da strata meie iaive u cchiù bbelle di tutte Pèschice, l’ànna ditte tutte i cristiane.

 

L          Bbelle iàive, ma quanne l’ate appèise mmezze o capistrate nan ci l’ate attaccate bbàune u bbuttigghiàune du vèine, manumale che na passave nulle pi sotte quanne iè cadòute, sinno ci l’ava fa bbàune u carnuale u puurette che ci capitave!

 

G         Na mi fa pinzà che angàure tràime quanne u penze! No sa accàume iè quanne i cunde ne fa da sòule, tu pi me e ij pi te e nisciòune l’à ttaccate u cazze du fiasche. E che pavòure quanne iè cadòute, à fatte nu rimàure che na sapemme che iàive, sèime asciòute tutte da ijnde i case!

 

V         Ma si vi facèssive i fatte vostre nan ci capitasse propie nende!

 

L          Citte tu, sta senza ggenie, si fòssine tutte accàume a te i cristiane, pòvire paiàise!

 

G         Nan ta veste da mascichire martideie cummà Vunginzè, n’amma iì appresse a carnuale!

 

L          U dèice pòure! Me veste da pacchianelle, me bbuscicate nu sciallette che iè a fèine u munne!

 

G         Ij mi veste da òmine, mi tegne a facce accuscì na mi canòscine!

 

L          Ij mofalanne mi songhe vistòute da òmine, me misse i rrobbe du suldate di marìtime, pòure ij me tinde a facce e cu cappelle n’gape, na m’à canisciòute nisciòune nisciòune!

 

G         Ogne anne cagne vistimende, nan ciagghie ggènie a vèstime sembe di na manàire!

 

L          Pòure ij songhe accuscì! Pinze che, quanne stàive angàure zèite, n’anne mi songhe vistòute pòure da zèite cu vistèite di zia Mariette!

 

V         Si vistòute da zèite e po ti sì maritate! Nan ci dèice che iè malaùrie a vèstice da zèite prèime di spusàrice.

 

G         A sti mupeie crèide Vunginzè, quiste sonne fatte che ci dìcine, agnè che sonne auàire!

 

L          Sonne mupeie sci, no vèide che mi songhe maritate lustesse! Ammacare fosse state malaùrie, accuscì mi rumanàive zitelle!

 

V         Sacce ij, accuscì e sindòute e accuscì vi dèiche, agnè che mi le cacciate ij da cape!

 

L          Va troue auanne si fanne a zàiza zàize!

 

G         U dèice pòure, a fanne ogne anne, picchè na l’avèssina fa!

 

V         Ij agghie ggènie l’upiraziàune che fanne a Carnuale, ti fanne propie rèide! Da ca trippe iesce tutte quille che siste: scarpe vecchie, bbuatte cambradarie, bbiscicòune,sicchiotte, ij no sacce accàume penzine a mette tutte qui cunde e po, appresse a carnuale sta chi mai ti crèide!

 

L          Che ànna iesse tutte accàume a te i cristiane! Ijsce da ijnde sta case, iè certe che si fa nu tramòute u iurne di carnuale, sàule tu t’à ccappà sotte, sàule tu sta ijnde a case, che càusa iè!

 

G         Ciave raggiàune cummà Luciette, ta mucà a sta sembe ijnde a case. Po, ij no sacce accàume ti fèide a sta!

 

V         Vòune che sta abbituate nan ci fa case.

 

L          Ci ni ijscèime chi sti chiàcchire morte! Dille accàume iè u fatte, dì che iè marìtite che nan ti fa iesce e che ti fa sta chi dòuie pàide ijnde na scarpe!

 

V         Tu che iè che dèice! Ggiuannè, na bbadà che nagnè auàire!

 

G         Vu sapè u ggiuste? Questae iè a vàuce che ggèire ijnde u paiàise! Nagnè na càuse che dèice sàule cummà Luciette! Mo iè auàire o no, ta vèide tu cu màise di magge!

 

V         nagnè auàire e nagnè auàire. Anze, mo u sapèite che facce? Mi veste pòure ij da mascichire a vicchiaie, iè sàule che na sacce accàume me veste!

 

G         Vèine a casa meie che ci penze ij!

 

L          Pu minì pòure a casa meie, pòure che na rrangiame! Ci vidèime, fammicine iì!

 

G         Fàmmicine iì pòure a me! Stìtive bbàune!

 

V         Ij na v’abbaste a ringrazià, ci vidèime! (rimane sola) avogghie làure a spittà! Ata viste maie vouie che l’òua nàire iè divindate bbianghe? Va, va, avogghie a spittà! Stitive bbàune e bbàune carnuale a tuttiquande!

 

ANGELA CAMPANILE 

ECCO IL VIDEO : Facìmice Carnuàle e po ci ni parle

16865226_10210789487245789_4825401700546353610_n

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...